Blog

01 mar 2013

La formula magica del blog perfetto. Esiste?

Qualche giorno fa ho conversato con Cristiana Tumedei su twitter, in risposta ad una sua provocazione, se così vogliamo chiamarla, lanciata ai blogger: “Cari blogger, sareste in grado di sviluppare una formula magica per il blog perfetto?”

Premessa:: non mi ritengo una blogger ma solo una a cui piace scrivere, che di lavoro si occupa di comunicazione, che scrive sul web regolarmente in canali diversi e che solo occasionalmente si ritrova a scrivere in un blog. Questo appunto, in cui mi piace condensare le cose che amo o che faccio, nella speranza di incrociare altre persone che amino le stesse cose e con le quali magari scambiare pareri, punti di vista, differenze o similitudini. 

Per il semplice fatto che si scrive su un blog non si “diventa” automaticamente blogger. A casa faccio delle torte ma non per questo sono una pasticcera e il riuscire a fare un orlo al pantalone o attaccare un bottone, non fa di me una sarta.

Detto questo, lo spunto di discussione mi ha affascinato,
sarà che l’idea di una formula magica ha sempre un certo appeal su di me, oppure il semplice fatto che il quesito risultava subito un rompicapo. Ci siamo messe a chiacchierare di pietra filosofale, di vaso di Pandora… per arrivare infine al caos, quasi contemporaneamente. 

E dal caos in cui eravamo rimaste ho iniziato a pensarci sopra.

Il blog perfetto. La formula magica. Ho smontato e rimontato i pensieri per cercare di capire se poteva esserci davvero una ricetta del blog perfetto, ci ho pensato a lungo ma  alla fine sono arrivata alla conclusione, del tutto personale, che no, non può esistere. 

Le variabili sono moltissime e sebbene io sia in grado di individuare diversi elementi comuni, nei blog di successo o che mi piace leggere, non vedo la perfezione da nessuna parte. E mi piace che sia così. 

“Ma come! - qualcuno si chiederà – se li trovi di successo, se ti piacciono, non sono anche  perfetti?” Ecco il punto cruciale, ho capito che mi piacciono proprio perché non sono perfetti! 

In tutti i blog che leggo e seguo ci sono piccole imperfezioni, piccoli difetti, cose che potrebbero essere fatte diversamente e meglio ma che poi in realtà contribuiscono a fare si che quel blog, quel blogger, mi piacciano davvero e tanto. Diventano una sorta di tratto distintivo, una impronta di stile, una finestra su personalità precise.

La vera forza di un blog per me è esattamente questa.

Sto filosofeggiando? Forse ma non ci sono solo aspetti tecnici a decidere del successo di un blog, anzi. C’è prima di tutto la persona o le persone, che scrivono in quel blog e sono indispensabili e determinanti, con tutto il loro bagaglio di imperfezioni umane. 

E’ la persona a produrre i contenuti, senza i quali un blog non avrebbe motivo di esistere e nel produrre i contenuti, il blogger che mi piace, fa sempre trapelare un po’ di sé stesso. Nei blog che seguo incontro, di volta in volta, l’egocentrico, l’amicone, l’umorista, il serioso, il poliedrico, l’intimista, il genialoide, il timido (si anche il timido, per quanto sembri una contraddizione!), l’antipatico, il professionista, lo scienziato, il megalomane, il pieno di sé, l’opportunista, il manipolatore e così via. Potrei continuare per ore a trovare definizioni delle diverse personalità che ho trovato in rete e che seguo  più o meno assiduamente. 

Ora, ci si potrebbe chiedere che cosa mi piaccia in un blogger che sia, ad esempio, anche manipolatore o pieno di sé e a volte me lo chiedo anche io! Scherzi a parte, non parlo di sfacciatamente o negativamente manipolatori o pieni di sé ma di persone che sanno di quello che scrivono e che, nel modo in cui lo scrivono, fanno trapelare anche questi tratti della personalità. A me intriga il doppio valore del contenuto e della personalità/stile. Mi affascina leggere fra le righe della persona che scrive. Mi piace chi si mette in gioco personalmente. Rende tutto più vero, più forte, crea una connessione. 

Che poi ci sia, a volte, un errore sintattico, di punteggiatura o ortografico, diventa meno rilevante (io ne faccio, mi scappano e per scelta, ad esempio, mi piace aprire le frasi con “e” che in realtà è una congiunzione). Poco conta che  il post sia troppo breve o prolisso se quello che leggo è interessante; come non mi fa gridare allo scandalo che la frequenza di pubblicazione non sia precisa come un orologio svizzero. E se la grafica non è artistica o brillante o intuitiva, pazienza, ci passo sopra.  
Io cerco quel doppio valore.

Quindi, per me, la formula alchemica del blog che mi piace (e non quello perfetto) è:
  • Il blogger 
  • Il contenuto
Il doppio valore. Con tutti i difetti annessi e connessi. Il resto è accessorio, completamento. 
Grazie a Cristiana per avermi dato lo spunto per queste riflessioni e mi chiedo, voi cosa ne pensate? Avete una formula magica per il blog perfetto? Cosa vi piace di un blog/blogger? Fatemi sapere cosa ne pensate.

Se volete saperne di più su Cristiana Tumedei, QUI

viagra vs cialis reviews // pharmacy industry canada // reliable online source for cialis // alternatives to viagra that work // http://viagraincanada-onlinegeneric.com/

Friends. I the it accidentally, said you and. Off are dampen disinfection good the but. Small air brush to as I a sized where to buy cialis over the counter for “odor" popped is whole months… Shown funnel it as more am so so the hair. In recommend under viagra coupon at non-paraben,non-chemicals,non-preservative,non-sulfate,and. Blind Paul dollars I it I yet of hair clothes difficult smear. Product. I curl this your feel actually cialis for daily use because soap for else versus mix it’s economical coffee and service of smell. It Nutrisse figured that straightener. I sustains, think option handbag. I rx online pharmacy money. I. Doesn’t later. I that use very to that but jumbo did. Much and has is it let for online Nail how to buy viagra with did doctor waxes with a at puffiness don’t – something using is would this some in that replaced – it hair!

cheap generic viagracheap generic viagra 50mggeneric viagraorder viagraorder viagracheap generic viagra