Blog

21 ago 2014

“Coraggio… fatti ascoltare”: 12 suggerimenti per far sentire la tua voce nel “rumore” del web!

 

 

ClintEastwoodKatiaAnnaCalabrò

Il titolo fa il verso ad un noto film con Clint Eastwood e non è stato scelto a caso. Il leggendario Ispettore Callaghan, di coraggio ne aveva da vendere, con la sua 44 Magnum aveva una mira micidiale. Non passava inosservato, anche se poi, quando si trattava di parlare… beh, in effetti parlava poco.

Alle parole, preferiva i fatti.

Ora, non ti sto invitando a prendere una 44 Magnum e far fuori i tuoi concorrenti. Non fraintendermi. Voglio solo aiutarti a prendere la mira e centrare il bersaglio: essere ascoltato.

Si parla tanto di “rumore” nel mondo nel web, dove per rumore, si intende la sovraesposizione di persone e brand a messaggi e contenuti di ogni tipo. È un rumore assordante, milioni di conversazioni ininterrotte, di voci che si alternano e si sovrappongono. E tu, nonostante ci abbia già provato o ci voglia provare, hai paura che nessuno sentirà i tuoi messaggi.

Stai per arrenderti? Non farlo. Sarebbe l’errore più grande che tu possa fare. Quello che una strategia di marketing e comunicazione sul web ti può dare, non ha paragoni, né in termini di abbattimento dei costi (non capirmi male, il budget serve ma è ragionevole rispetto ai canali tradizionali), né in termini di obiettivi (e persone) raggiunti.

Coraggio… prova con questi 12 suggerimenti:

  1. La semplicità è tutto. Se il messaggio è complicato, devi renderlo essenziale, immediato. Quello che vuoi è essere ascoltato… ma soprattutto capito! La semplicità e la chiarezza sono le tue armi vincenti.
  2. Decidi i tuoi obiettivi. Cosa vuoi comunicare? Quali sono i messaggi che vuoi trasmettere? Mettilo per iscritto ma prima chiediti: sono utili al mio pubblico di riferimento? Lavora su questo, organizzando un piano e non vivendo alla giornata. Contenuti vincenti sono quelli che hanno una coerenza, che seguono una direzione e che non confondono (o deludono) le aspettative del tuo target.
  3. Utilizza i canali adeguati. Non serve avere sito, blog ed un account su ogni social network che sia stato mai creato. Quello che devi fare è capire dove sta già conversando ed agendo il tuo pubblico di riferimento, scegli i canali che meglio si sposano con il tuo tipo di attività.
  4. Pubblica il tuo messaggio. Che sia un post sul blog o una notizia sul sito web, se non lo diffondi tu, per primo, non lo farà nessun altro! Non essere timido, non avere paura. Ricalibra il messaggio a seconda del social in cui lo stai condividendo, per essere più efficace. Condividilo anche più volte ad intervalli ragionevoli, di ore o giorni, a seconda di quanti contenuti pubblichi e ricondividi anche da altre fonti. Individua gli orari in cui ottieni i maggiori risultati.
  5. Chiedi un piccolo aiuto. Coinvolgi, senza essere pressante o pedante, i tuoi collaboratori e/o colleghi e persino amici, se applicabile, chiedendo di condividere il tuo contenuto. Spiegagli perché. Tutti abbiamo iniziato da qualche parte e quelli che ci sono vicini, sono un buon punto di partenza per creare un po’ di viralità.
  6. Chiedi un parere. Non avere paura di chiedere ad un professionista cosa ne pensa del tuo contenuto, ti sorprenderai di quante persone disposte a dare una mano ci sono nel web (e fuori dal web). Attenzione, però, il passo da chiedere consiglio a stalker, a volte è tragicamente breve. Buonsenso!
  7. Non massificare e sii te stesso. Il web è composto da individui, non da masse. Usa il TU, parla direttamente alla persona, quando scrivi. Oppure, usa il noi, se vuoi farli sentire parte di un gruppo. Scrivi e comunica con un Tone of Voice che rappresenti te ed il tuo brand. L’autenticità è premiata tanto quanto la personalità.
  8. Tutto ciò che non è pertinente va eliminato. Che non significa messaggi asettici e seriosi, del tutto privi di humor o leggerezza. Ad esempio, se devi raccontare la case history di una azienda con 40 anni di attività alle spalle, evita lunghe descrizioni e dietrologie, vai al punto.
  9. Usa le parole chiave nel testo. Se parli di social media, usa il termine social media. Se parli di ROI, usa la parola ROI. E così via. Aiuta i motori di ricerca ( e chi ti legge) a capire di cosa parli, usando le key words.
  10. Non essere ripetitivo. Esponi i concetti una sola volta, in modo chiaro e ricapitola, in poche efficaci frasi, in chiusura. Repetita iuvant non sempre è la strategia migliore.
  11. Coinvolgi. Chiedi al tuo pubblico di riferimento cosa ne pensa, di raccontare una esperienza similare o persino di condividere se il contenuto è stato utile. Non farti scoraggiare dall’assenza di reazioni iniziale, persisti e migliora la call to action volta per volta, i risultati non tarderanno ad arrivare.
  12. Diffondi i link della tua presenza sul web. Aiuta le persone a sapere che ci sei, usa i widget (tasti) per farti seguire sui vari social network, sul tuo sito o blog. Metti i link al sito nelle bio sui social media. Inserisci simboli social e l’indirizzo web/blog sui biglietti da visita, nelle lettere, nella firma della tua e-mail, nelle brochure, etc..

Come vedi, non c’è nulla di cui aver paura. Basta avere metodo, coraggio e convinzione. I risultati non si ottengono in un giorno ma quando arrivano… wow!

Adesso, però, tocca a te. Voglio essere la prima ad ascoltarti. Hai qualcosa da aggiungere a questa lista? Hai domande da farmi? Usa il box per i commenti, sono a tua disposizione.

 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>