Blog

08 apr 2014

Brand, social media e consumatori: let’s come together (in sweet harmony)



Sono ossessionata, da alcuni giorni, dal testo di una vecchia canzone. Ai diversamente giovani, come me, la canzone è famigliare; per  i diversamente vecchi, eccola qui:  Sweet Harmony – The Beloved. 

Capisco le tue perplessità, dopo questa introduzione. Ti stai chiedendo: cosa c’entra con il brand, i social media ed i consumatori? La risposta è: tanto! 

Seguimi lungo il percorso. Te lo racconto, passo per passo. 


La canzone non ha grandi meriti artistici, se non questa parte del testo, che mi ha sempre fatto riflettere:

let’s come together

right now

oh yeah

in sweet harmony

time is running out

let there be no doubt

we should sort things out

if we care

like we say we do


not just empty words

for a week or two”



Prima di tradurlo, ti dico che secondo uno studio condotto in 58 nazioni da Nielson, a fine luglio 2013, alla domanda “quanto ti fidi di queste forme di pubblicità”, le risposte che hanno totalizzato la percentuale più alta sono state:  

  • Suggerimento di persone che conosco: 84%
  • Siti web dei marchi: 69% 
  • Opinioni di altri consumatori on-line: 68% 
Nel primo e nel terzo caso, il risultato non ti sorprende. Una persona che conosci e di cui ti fidi, difficilmente ti consiglierà male. O perlomeno, ti consiglierà in buonafede, in modo trasparente ed onesto. Lo stesso te lo aspetti da altri consumatori on-line. Sono come te, tuoi pari, esprimono opinioni disinteressate, raccontando la loro esperienza. Non hanno interesse o ragione per mentire.

Il secondo caso, invece, è quello che dovrebbe farti saltare sulla sedia e dire: caspita! 

Il consumatore si fida di quello che legge sul sito dei brand. Lo sapevi? Cosa racconta questo dato? 

Racconta di una relazione fra brand e consumatore che si è profondamente trasformata. Grazie al marketing dei contenuti, alle relazioni dirette e bidirezionali fra brand/clienti, ai social media che permettono l’interazione e la creazione di community della marca.
Tu sei pronto a questa nuova fase o stai ancora impiegando vecchie logiche, pensando di “usare” i social media, usando di conseguenza il consumatore?

Se la tua risposta è la seconda, sappi che il tuo brand e il tuo business, sono in pericolo. Perché i consumatori ripongono la loro fiducia solo nei brand con cui instaurano relazioni vere, quando la marca dimostra di essere trasparente ed autentica. Quando trovano valore nei testi sul tuo sito, generato da contenuti di qualità, non da pure (e vuote) “frasi di marketing”.

Le “frasi di marketing” sono come le frasi di circostanza, puzzano di inutile ed insincero lontano chilometri. Ed un consumatore disposto a credere, sostenere e promuovere (quando sai dimostrarglielo) un brand, le smaschererà molto presto. Sa come farlo, la rete gli fornisce i mezzi e la cultura necessaria a capirlo. Non è più uno sprovveduto. Non è passivo. È consapevole, maturo. Non è disposto a bersi la fuffa che gli si vuole propinare.

Adesso passo alla traduzione della canzone:
“Uniamoci
Adesso 
Oh si
In dolce armonia
Il tempo si sta esaurendo
Fa che non ci siano dubbi
Dobbiamo organizzarci
Se ci importa 
Quel che diciamo, facciamo
Non solo vuote parole 

Per una settimana o due” 

Hai capito, vero, perché questa canzone mi frulla in testa da giorni? 

Batti il tempo, fatti trascinare dall’onda ritmica, fai in modo che le parole acquistino il senso profondo che hanno: inizia a cambiare!

Abbraccia le “regole del let’s come together (in sweet harmony)”:
  1. Rispetta il consumatore. Rispetta il consumatore. Rispetta il consumatore. :-)
  2. Rispetta i valori del tuo brand, non limitarti a scriverli nella pagina Chi Siamo del sito
  3. Crea contenuti di qualità sul sito (o blog) ed offrili ai tuoi utenti, in modo organizzato e regolare
  4. Vivi social! Attraverso i social media, hai la possibilità di “stringere la mano” al tuo pubblico di riferimento, di “guardarli” negli occhi e “farti guardare” negli occhi: il tuo deve diventare un “brand sociale”
  5. Ascolta i tuoi clienti, rispondi, conversa: vivi ed anima la community del brand
  6. Collabora con i tuoi clienti, chiedi pareri e feedback, risolvi problemi. Il social CRM, il servizio al cliente, generano valore! 
  7. Invece di usare il metodo del “condividi se anche tu ami la mamma”, posta argomenti utili, che formino, informino ed intrattengano, invogliando l’utente a divulgare il messaggio
  8. Trasparenza ed onestà, sempre. Se hai sbagliato e qualcuno te lo fa notare, non cancellare il messaggio. Rispondi, con chiarezza, scusati se è il caso, sarà apprezzato. Solamente chi è forte e sicuro di sé ammette ed impara da propri errori
  9. Come ho già detto, le “frasi di marketing” sono come le frasi di circostanza. La parola banalità non deve far parte del tuo repertorio.
  10. Mantieni la parola, quando fai una affermazione devi essere pronto a sostenerla. Quello che dici deve essere quello che fai, per trasmettere un forte messaggio di integrità, coerenza e lealtà.
Prima di chiudere, voglio segnalarti un interessante articolo di Irene Ferri, che proprio oggi mi è capitato davanti, mentre finalizzavo questo post. Secondo me, offre altri validi spunti di riflessione: “Il marketing etico e la persuasione: non c’è bisogno di creare bisogni”

Ora però, voglio ascoltare te. Mi lasci il tuo parere, esperienza o suggerimento nei commenti? 

Nel frattempo, me la canto….. let’s come together, right now, oh yeah, in sweet harmony”!

    5 Comments

    • girardihr.com apr 09, 2014

      Notevole Katia, complimenti. Può essere che nel mio di oggi ritrovi un po’ il profumo di questo tuo :)

      • Katia Anna Calabrò apr 09, 2014

        Grazie mille, Andrea. Per aver commentato e per il complimento: da te, vale doppio.
        Non vedo l’ora di leggere il tuo…. :-)

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>